Scritture


SECONDA A TIMOTEO

 

1    1 Paolo, per volontà di Dio costituito apostolo di Gesù Cristo, per quel che riguarda la promessa della vita che si ottiene mediante Cristo Gesù, 2 al diletto figlio Timoteo. Favore, misericordia e pace da parte di Dio Padre e di Cristo Gesù nostro signore.

3 Rivolgo la mia gratitudine a Dio che servo con coscienza pura, come lo servivano i miei antenati, 4 quando mi ricordo di te nelle mie preghiere, sia di notte che giorno, mi tornano alla mente le tue lacrime e sento nostalgia di rivederti per rallegrarmi pienamente. 5 Tenendo presente la fede sincera che è in te, come lo fu in tua nonna Loide e in tua madre Eunice, 6 ti ricordo di mantenere il vigore del dono di Dio che ti fu impartito con l'imposizione delle mie mani, 7 perché Iddio, non ci ha dato uno spirito di indifferenza, ma di potenza, di amore e di saggezza. 8 Di conseguenza, non vergognarti della testimonianza da rendere al nostro Signore, né di me che sono in prigione per lui, ma con l’aiuto dalla potenza di Dio, partecipa anche tu nel sopportare le avversità a favore della buona notizia. 9 Egli ci ha salvati e ci ha rivolto una santa chiamata secondo il suo proposito, non a motivo delle nostre opere, ma secondo un generoso dono che già da tempi remoti, prestabilì perché fosse distribuito mediante Cristo, 10 e solo ora è divenuto operante, mediante la manifestazione del nostro salvatore Cristo Gesù, il quale mediante la buona notizia, ha annullato il potere della morte e ha messo in luce la vita e l’incorruttibilità. 11 Di questa buona notizia sono stato costituito messaggero, apostolo e maestro. 12 Ed è per questa ragione che mi trovo in questa penosa situazione, ma non me ne vergogno, perché so in chi ho riposto fede e sono convinto che egli ha il potere di aiutarmi a custodire quello che mi è stato affidato fino al giorno della sua manifestazione. 13 Prendi come modello le sane parole che hai udito da me, con la fede e l’amore che ispira Cristo Gesù. 14 Custodisci quello che ti è stato affidato mediante lo Spirito Santo che abita in noi.

    15 Tu sai che tutti quelli dell'Asia, tra i quali Fìgelo ed Ermègene, mi hanno voltato le spalle. 16 Il Signore conceda misericordia alla famiglia di Onesìforo, perché egli più volte mi ha confortato e non si è vergognato delle mie catene, 17 anzi, venuto a Roma mi ha cercato con premura finché mi ha trovato 18 e non solo, ma sai meglio di me quanti servizi ha reso in Efeso. Gli conceda il Signore di trovare misericordia presso il SIGNORE nel giorno della sua manifestazione.

 

2    1 Ma tu figlio mio, usando il dono che hai ricevuto mediante Cristo Gesù, diventa sempre più convincente 2 e le cose che hai udito da me in presenza di molti testimoni, trasmettile a persone fidate, le quali siano in grado di insegnarle ad altri.

     3 Come un buon soldato di Cristo Gesù, prendi anche tu la parte che ti corrisponde di sofferenze. 4 Nessuno comunque, quando presta servizio militare, s’immischia nei problemi della società se vuol piacere a colui che l'ha arruolato. 5 Lo stesso succede nelle competizioni, uno non riceve la corona se non ha gareggiato secondo le regole. 6 Comunque, colui che lavora dev'essere il primo ad avere la sua parte di frutti. 7 Il Signore ti darà il discernimento necessario per comprendere quel che voglio dirti. 8 Ricordati che Gesù Cristo che è della stirpe di Davide è risorto dai morti, secondo la buona notizia che io predico, 9 ed è per questa buona notizia che sopporto di essere in catene come un malfattore, però la parola di Dio non è in catene. 10 Sopporto ogni cosa a favore degli eletti, affinché conseguano mediante Cristo Gesù la salvezza e la gloria eterna. 11 Certa è questa affermazione: se siamo morti con lui, con lui pure vivremo, 12 se con lui perseveriamo, con lui anche regneremo, se lo rinneghiamo, anch'egli ci rinnegherà, 13 se noi manchiamo di fede, egli rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso. 14 Richiama alla loro memoria queste cose, scongiurandoli per il Signore di evitare le dispute intorno all’interpretazione di parole che oltre all’essere inutili conducono alla rovina chi le ascolta. 15 Sforzati per presentare te stesso approvato al cospetto di Dio, un lavoratore che non ha di che vergognarsi interpretando correttamente la Parola della verità. 16 Evita le chiacchiere che violano ciò che è santo, perché quelli che si dedicano ad esse, progrediranno sempre più nell’empietà, 17 infatti, le chiacchiere di costoro si propagheranno come una mortifera cancrena. Fra questi vi sono Imeneo e Fileto 18 che hanno deviato dalla verità e vanno dicendo che la risurrezione è già avvenuta, la qual cosa sovverte la fede di alcuni. 19 Tuttavia, altri si attengono saldamente alle dottrine fondamentali di Dio senza vacillare, dimostrando che è vero quando si dice: “il SIGNORE conosce quelli che sono suoi”, e “Si allontani dall'iniquità chiunque pronunzia il nome del SIGNORE”. 20 Fra tutti gli utensili domestici, non vi sono solo arnesi d’oro e d’argento, ma ve ne sono anche di legno e di terracotta, gli uni per le occasioni speciali, gli altri per uso comune. 21 Quindi, se uno non si contamina con quelle cose, sarà un utensile di valore, purificato, utile al suo signore e preparato per ogni opera buona. 22 Non far caso ai desideri giovanili, ma piuttosto cerca la giustizia, la fede, l’amore e la pace, insieme a quelli che invocano il SIGNORE con cuore puro. 23 Evita le discussioni inutili e non istruttive sapendo che generano contese. 24 Un servitore del Signore non dev'essere litigioso, ma gentile con tutti, capace di insegnare, tollerante, 25 dolce nel correggere gli oppositori, con la speranza che Dio voglia loro concedere di cambiare mentalità, affinché comprendano la verità, 26 si convertano sfuggendo così al laccio del Diavolo che li ha presi nella rete affinché facciano la sua volontà.

 

3    1 Or sappi che negli ultimi giorni verranno tempi pieni di violenza, 2 perché gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanagloriosi, arroganti, maldicenti, ribelli ai genitori, privi di riconoscenza, senza fede, 3 incapaci di provare amore, spietati, calunniatori, senza autocontrollo, malvagi, nemici di chi pratica il bene, 4 traditori, sconsiderati, arroganti, amanti dei piaceri anziché di Dio, 5 ostentando un’apparente religiosità, mentre le loro opere dimostrano che mentono. Da costoro allontanati! 6 Al loro numero, appartengono certi tali che entrano nelle case e circuiscono donne moralmente deboli e cariche di peccati, agitate da passioni di ogni genere 7 che stanno sempre studiando senza riuscire mai a giungere alla conoscenza della verità. 8 E nella stessa maniera che Ianne e Iambre si opposero a Mosè, così anche costoro si oppongono alla verità, uomini dalla mente depravata che non hanno superato la prova in quanto alla fede. 9 Ma non andranno più oltre perché la loro stupidità sarà manifesta a tutti, come lo fu quella di quegli uomini. 10 Tu mi hai seguito da vicino nell'insegnamento, nel modo di agire, nelle decisioni, nella fede, nella perseveranza, nella fermezza, 11 nelle persecuzioni e nelle sofferenze. E che persecuzioni sopportai ad Antiochia, a Iconio e a Listri. Eppure il Signore mi ha liberato da tutte. 12 Del resto, tutti quelli che vogliono vivere essendo fedeli a Cristo Gesù saranno perseguitati. 13 Mentre i malvagi e gli impostori progrediranno, ingannando gli altri ed essendo ingannati. 14 Tu invece, persevera nelle cose che hai imparato e di cui sei convinto, sapendo da chi le hai apprese 15 e che già da bambino hai avuto conoscenza delle sacre Scritture le quali, possono darti la sapienza che conduce alla salvezza mediante la fede in Cristo Gesù. 16 Perché tutta la Scrittura è ispirata da Dio ed è utile per insegnare, per convincere, per correggere e per educare alla rettitudine, 17 affinché l'uomo di Dio sia maturo e ben preparato per ogni opera buona.

 

4    1 Ti scongiuro, al cospetto di Dio e di Cristo Gesù che deve giudicare i vivi e i morti durante la sua manifestazione e il suo regno, 2 predica la parola fino a che il tempo è favorevole perché si avvicina il tempo sfavorevole, organizza, rimprovera, esorta con sopportazione e arte di insegnare. 3 Sta per giungere il tempo che non sopporteranno più la sana dottrina, ma secondo i propri desideri si circonderanno di maestri per udire quello che gli piace, 4 non daranno più ascolto alla verità e si volgeranno alle false storie. 5 Ma tu, sii vigilante in ogni cosa, sopporta le sofferenze, svolgi il tu compito nel divulgare la buona notizia, adempi fedelmente il tuo ministero. 6 Quanto a me, io sto per terminare il mio corso, il tempo della mia partenza è giunto. 7 Ho lottato nella giusta competizione, ho finito la corsa e ho mantenuto la fede. 8 Ormai, mi è riservato il premio della giustificazione che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà nel giorno della sua manifestazione e non solo a me, ma anche a tutti quelli che avranno atteso con ansia la sua manifestazione. 9 Fai tutto il possibile per venire presto da me, 10 perché Crescente è andato in Galazia, Tito in Dalmazia, mentre Dema, per amore delle cose di questo mondo mi ha lasciato e se n'è andato a Tessalonica, 11 solo Luca è con me. Prendi Marco e conducilo con te, poiché mi è molto utile per il ministero. 12 Tichico l'ho mandato a Efeso. 13 Quando verrai, portami il mantello che ho lasciato a Troas in casa di Carpo e i rotoli, specialmente le pergamene. 14 Alessandro il fabbro mi ha procurato molti problemi, il Signore gli renderà secondo le sue opere. 15 Guardati anche tu da lui, perché si è opposto violentemente al nostro insegnamento. 16 Nella mia prima difesa, nessuno è rimasto al mio fianco, ma tutti mi hanno abbandonato che non gli venga imputato! 17 Però il Signore è stato al mio fianco e mi ha dato forza, così sono stato liberato dalla bocca del leone, affinché, per mezzo mio il messaggio fosse proclamato e lo ascoltassero tutte le nazioni. 18 Il Signore mi libererà da ogni azione malvagia e mi salverà per il suo regno celeste. A lui sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen.

    19 Saluta Priscilla e Aquila e la famiglia di Onesiforo.

    20 Erasto è rimasto a Corinto, Trofimo l'ho lasciato ammalato a Mileto.

    21 Cerca di venire prima dell'inverno. Ti salutano Eubulo, Pudente, Lino, Claudia e tutti i fratelli.

    22 Il signore Gesù sia con te.

     Il suo favore sia con voi, amen.